• 0971.650649
  • costruecoblogwebsite@gmail.com

ScamBioLoGiCo

ScamBioLoGiCo

 

ScamBioLoGiCo è la prima Green Station d’Italia,  frutto dell’intesa firmata tra LegambienteFerrovie dello Stato Italiane e Rete Ferroviaria Italiana, per il progetto di rifunzionalizzazione della stazione di Potenza Superiore.

La struttura ospita laboratori di riciclo, spazi espositivi per la vendita di prodotti biologici a chilometro zero, sfusi, non imballati e del commercio equo e solidale; spazi dedicati al baratto di beni in buono stato ma essa è anche luogo di incontro, formazione, ricerca e sviluppo per la diffusione della cultura ambientale e la condivisione dei saperi.

Il progetto – reso possibile grazie al sostegno di Fondazione con il Sud nell’ambito del Progetto Centro per la sostenibilità – ha permesso di recuperare e riqualificare l’immobile della stazione superiore di Santa Maria, risalente agli ultimi anni del ‘800. L’intento è stato quello di preservare l’architettura esistente tipica dell’epoca ma, allo stesso tempo, di dare un’impronta sostenibile a partire dall’impiego di materiali e tecniche costruttive biocompatibili, prediligendo il più possibile materie prime provenienti da riciclo e raggiungere, così, una certificazione di classe di consumo energetico A.

Infatti, la costruzione è fatta di pannelli naturali in fibra di legno, i pilastri sono rivestiti di lana di roccia utilizzata anche per il cappotto esterno che conferisce all’edificio una grande capacità di coibentazione. Non c’è una vera e propria rete di attacco per il gas ma è presente un impianto fotovoltaico capace di produrre elettricità che, tramite l’uso di un inverter, trasforma la corrente continua in corrente alternata necessaria ad alimentare due pompe di calore, che sono site all’esterno e sono necessarie a riscaldare l’ambiente.

Sulla base di questi principi di sostenibilità ambientale e nell’ottica di una formazione dei tecnici e delle maestranze impiegate nel settore edilizio, è stato anche attivato durante i lavori di ristrutturazione un Cantiere scuola. Questo cantiere, grazie al protocollo d’intesa tra Legambiente Basilicata, EFMEA Potenza (Ente per la Formazione edile), INAIL – Direzione Regionale per la Basilicata e il Colorificio Lamorte  – ha permesso di realizzare il cappotto termoisolante atto a ridurre l’utilizzo di energia legato al riscaldamento degli ambienti, con l’impiego di nove richiedenti asilo, ospiti nelle diverse strutture presenti in città.

L’esperienza dello scalo merci di Potenza Superiore è il primo dei progetti di Green Station in giro per l’Italia, progetti che hanno come cuore pulsante quello di rivalorizzare spazi non presenziati all’interno delle stazioni e snodi ferroviari, intesi non più come luoghi di arrivo, partenza o di degrado sociale, in quanto abbandonati, ma sempre più come luoghi di incontro e socialità. Inoltre, essi possono anche diventare poli di attrazione urbana, centri di servizi sociali e ambientali e di mobilità collettiva.

Ringraziamo il Sig. Marco De Biasi, amministratore unico Energia S.r.l. impresa sociale, per averci guidato alla scoperta di questa splendida Green Station e per la passione con cui porta avanti il suo lavoro.

Alessia Matera

Invia il messaggio